Morricone

25 settembre 2014

CAVALLO

Dal balcone di casa mia posso vedere un cavallo che, libero, in un tratto, arricchisce l'immagine del luogo. A pensare che, mentre vi parlo, vi è uno sterminio di cavalli per farne carne da consumare da noi. Pensate che c'è un piatto, considerato prelibato, detto "Tardo matto", consumato a Zagarolo (Roma), tutto a base di carne equina. un ennesimo piano di distruzione di esemplari animali con tutto il diritto che continuino ad esistere. La macellazione dei cavalli deve finire! Non c'è bisogno della loro carne. Ne va vietata la vendita e al consumazione. I cavalli vanno protetti anche dalla strumentalizzazione per spettacoli pericolosi e degradanti. Appoggiamo la proposta di Legge di Michela Vittoria Brambilla che, una volta approvata, dichiarerebbe i cavalli "animali d'affezione".


Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...