Morricone

23 ottobre 2014

D I S S E N S O

Se potessi dedicherei un giorno del calendario al dissenso e lo santificherei. Il "no" è il volano della storia il "sì" è la conservazione, lo status quo. Il sapere, le conoscenze, con sacrifici enormi, mediante i "no", sono giunti allo stato attuale. Karl Popper sosteneva il diritto, la necessità per la scienza, per la politica, per ogni categoria umana, alla confutazione, del mettere in discussione, del non accettare pedissequamente. Attenzione alla persecuzione del "no", nella storia ha portato sempre alla dittatura. Giordano Bruno era un "no", così Galilei e tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita per la verità che non è altro che una sintesi di "no" ed un rifiuto permanente del "sì".


Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...