Morricone

27 novembre 2014

ATROCITA'

Per detestare ogni guerra sarebbe sufficiente che ognuno di noi leggesse i messaggi rimasti nelle tasche dei soldati ammazzati in guerre sempre al servizio del denaro: messaggi che avrebbero dovuto giungere a mogli, fidanzate, genitori. Chi li portava in tasca aveva pensato di metterli in una busta di plastica per salvaguardarli e per poterli spedire al ritorno alla vita dopo che si era stati esposti alla morte. Eccone uno di un soldato la cui nazionalità non conta:"Ti porterò con me". Le tasche dei caduti in difesa delle banche sono piene di foto dei congiunti e dei bambini figli che non rivedranno mai più. Viva la Borsa!



Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...