last

13 novembre 2014

PENNA A BIRO

Mancava poco allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e l'ungherese Laszlo Biro inventava la penna a biro, appunto. Ecco come: un giardino, una panchina, Biro vi è seduto per rilassarsi mentre osserva dei fanciulli che giocano con biglie. Queste rotolano sulla sabbia e lasciano i segni del percorso che tracciano. Biro capisce che prendendo una carica d'inchiostro adeguato, mettendolo in un piccolo contenitore di plastica e facendolo trasportare da una pallina rotante avrebbe tracciato dei segni sulla carta o sul foglio, naturalmente l'inchiostro avrebbe colorato la scrittura: blu, verde, rossa, nera.


LASZLO BIRO

Nessun commento:

CADUTA DI STILE

Il comportamento umano, in tutte le sue categorie, ha subito una caduta di stile con l'arretramento globale dei rapporti sociali. Basta...