Morricone

4 dicembre 2014

AMBIGUITA'

Ma è proprio vero che l'amore per la natura sia una facciata della medaglia che, dall'altra parte, fa vedere l'odio per il genere umano? In psicologia il problema si chiama "paranoia". E' vero che gerarchi nazisti amavano perdutamente canarini in gabbia accudendoli meticolosamente ogni giorno. Come si fa a mettere insieme, nello spazio striminzito di un minuto, la firma per un ordine di esecuzione di massa e la passione lirica per il canto melodioso degli uccellini in gabbia? Scopriamo atteggiamenti della paranoia, diffusi e frequenti in questo nostro tempo isterico: la razza conta, chi non è bianco è immondo, per cui gli immigrati debbono morire tutti annegati, pasto di pesci predoni; la natura - non gli uccellini- va sottomessa come una schiava al servizio dell'uomo, padrone dell'universo; il genero umano è atroce, più delle bestie feroci; la guerra è l'igiene del mondo. Chiaro?





Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...