la califfa

24 dicembre 2014

BARBARIE

Non sarebbe meglio se invece degli alberi di Natale, dei presepi, delle luminarie, delle cene e dei pranzi luculliani, non ci fossero aggressività e sangue, misfatti, stupri, maltrattamenti della donna e degli infanti,  stadi di calcio ridotti a mattatoi, una cultura di morte che dilaga. Si festeggia il Natale in una realtà che ritorna dopo che caratterizzò l'uomo preistorico. L'imbarbarimento ci sovrasta. Non ci rimane - auguri autentici! - che la civiltà umana non soccomba.


Nessun commento:

Ai miei amici rumeni - Prietenilor mei români

VIALE D'AUTUNNO Ogni giorno faccio i conti con me stesso ieri ero un altro la clessidra del tempo non si ferma mai cinico si por...