last

24 dicembre 2014

NESSI PALMARI

Quando, in solitudine, sto in mezzo agli alberi, alle erbe della mia terra, mi sento come in una famiglia in cui vi è l'amore reciproco. (A. FLOCCARI)

L'odore della mia terra, quando, dopo una lunga siccità e caldo afoso, esala e riempie le narici di qualcosa che sa di latte materno, fa parte del sangue che mi circola nelle vene. 
(A. FLOCCARI)

Voglio cercare l'Infinito nella solitudine dei campi dove mi viene naturale cantare i miei versi che sono la realtà, quella vera, senza posa di teatranti. (A. FLOCCARI)

Se vuoi, lo dovrai fare anche tu, richiameremo chi eravamo quando non avevamo il peso degli anni della vita, canteremo come allora in armonia con la melodia della natura in primavera. (A. FLOCCARI)

L'essere umano è ridotto al punto che da lui si pretendono le pezze d'appoggio destinate a mandarlo in rovina. E oggi bastano delle inezie a decidere la sua disfatta. (E. JUNGER)

Tutte le tentazioni di fare della pedagogia andranno represse. A cosa servono, infatti, i punti d'osservazione quando sta venendo giù una slavina? (E. JUNGER)

L'io non può dire la verità su se stesso a se stesso ed essere certo che non ci sia stato autoinganno. (J. M. COETZEE)

Da sempre mi sono sentito a disagio con il linguaggio dogmatico, con ogni linguaggio definitivo (J. M. COETZEE)

Solo l'uomo cammina ai confini di ciò che non ha confini, sa vedere il mistero, ascoltare il silenzio, esperire l'infinito. (F. IOMATIS)



JOHN MAXWELL COETZEE


Nessun commento:

S T R E P I T O S O !

La mia commedia Mancu pe' cani! ha ottenuto uno strepitoso successo tra il pubblico di Polistena. Il merito va al regista Antonio Trop...