Morricone

15 gennaio 2015

ALTRO DA SE'

Da sempre, un imperativo categorico kantiano mi fa da bussola nella vita, ogni giorno cerco un altro da sé. Se non lo facessi, mi ripeterei. Creerei un simulacro sublimato che trasformerebbe la mia vita in un agghiacciante ibernazione di me stesso. Sappiate che non è semplice, non si tratta di ripetersi, di riprendere il bottino, il conquistato, ad ogni alba partire a mani vuote. Questa la grande avventura della vita. Si può cadere, ma bisogna avere la forza di rialzarsi e proseguire senza tentennamenti. Si deve andare in qualche posto? No! Si deve vivere come se si rinascesse ogni giorno, al di là di ogni età.

Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...