Morricone

5 febbraio 2015

R E G A L O

Non ti regalerò una strenna, né un dono in un involucro da fiaba; ti regalerò, per poco, l'autentico parlare, ormai finito nel museo. Vediamo se anche a te mancano: l'amore negli occhi di tua madre, ha finito, non c'è più; le carezze della brezza di primavera a mitigare i pensieri amari della vita; l'odore delle more nel pieno del rigoglio, invitanti, sulla siepe, abbracciate al caldo mediterraneo; l'accordo melodico con il canto del passato con il presente, accompagnato dal coro del futuro. Anche a te mancano? Allora, siamo sintonizzati, al di là della tecnologia che fa da strumento al nostro dialogo. 


Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...