Morricone

30 aprile 2015

A TUTTI

L'arte non può essere destinata per pochi, per privilegiati, per dominanti, per l'elite. L'arte è di tutti, senza distinzioni di classe, di averi, di status sociali. Quando l'arte viene recintata diviene triste, fredda, lontana, viene soffocata . Quanta arte ancora è resa asfittica in dimore principesche, mai in visione  per tutti, per il pubblico, per tutto il pubblico. Certo, alla base della concezione pseudoestetica dell'arte elitaria, come avvenne nei massimi pensatori tedeschi dell'Idealismo, vi è un pensiero di fondo: il senso di superiorità di pochi sui molti. Probabilmente, l'artista, quando concepisce l'opera mai vorrebbe che la sua creatura sia carcerata.


Nessun commento:

L E T T E R A T U R A

Se vuoi ti dirò che cos'è la letteratura per me. E' semplice: è vita. Se nello scrivere non c'è l'esistenza allora la lette...