Morricone

14 maggio 2015

I M P E R O

Gli eventi storici hanno mandato al museo l'impero, categoria politico-economico-sociale del tempo che fu; ma, in un presente in cui viaggia per il mondo lo spettro vampiresco del ridurre l'uomo a nullità, occorre che l'impero riviva dentro di noi. Non più l'imperatore, il monarca come avrebbe voluto Hobbes, il Leviatano, l'assolutismo, ma l'impero assoluto di se medesimo. Chiudi la porta, serra le finestre, manda via chi vorrebbe fare di te uno straccio, un automa mandando al macero le tue capacità decisionali e selettive. Della tua vita devi disporre tu e nessun altro. Si tratta di prendere una nuova Bastiglia, con l'edificazione sacrosanta e legittima della persona umana. 


Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...