last

11 giugno 2015

SENSIBILITA' INEFFABILE

Nel corso della storia, il popolo, costantemente, è stato umiliato e spogliato dei suoi sacrosanti diritti. Nella Roma antica, la gens era un orgoglio di appartenenza alla romanità, il populus era composto dalla plebe, dai servi della gleba nell'infimo gradino della societas. In seguito il termine "popolo" venne strumentalizzato per legarlo a schemi bellicosi, autoritari, dittatoriali. Per cui, il popolo ha subito il tradimento permanente in ogni epoca. I borghesi della Rivoluzione Francese lo maneggiarono a loro piacimento, e quando avrebbe potuto accampare dei diritti, la stessa borghesia si rivolse a Napoleone per mettere le cose a posto. Oggi, non si parla più del popolo, ma di "massa", termine amorfo che dice tutto e niente. E' stato un termine molto adoperato dal marxismo, da Lenin, da Togliatti, da Gramsci. Ma non intendevano la massa come sinonimo di perdita delle radici comuni e di trasformazione in una nebulosa senza contenuti e confini precisi.  Ed il popolo dove sarà andato a finire?


Nessun commento:

CADUTA DI STILE

Il comportamento umano, in tutte le sue categorie, ha subito una caduta di stile con l'arretramento globale dei rapporti sociali. Basta...