Morricone

8 luglio 2015

E U R O P A

Giuseppe - sto parlando di Mazzini - ti sentirai tradito e deluso, nella tua concezione della "Giovane Europa" avresti voluto un continente da sogno, con la bandiera della libertà in alto, molto in alto. E voi, Hegel, Holderlin, Goethe, Kant, guardavate alla Grecia, all'età aurea di Pericle come a un Eden dell'umanità. L'Europa, così come è oggi, non la voglio, non posso sentirmi un servo della gleba in un redivivo Feudalesimo con all'apice i novelli feudatari delle Banche, dei creditori. Tra l'altro, una teoria sociologica molto studiata nelle Università americane sostiene che l'indebitamento globale, collettivo, di me e di te, anche di loro, è una strategia avviluppante affinché tutti diveniamo sudditi del regno della moneta, delle Borse, delle Banche. Più ci indebitiamo e più dipendiamo, dicendo addio alla libertà. Questa è la Grecia che rischia di essere messa all'indice dai potenti, dai ricchi, dai dominatori. Voglio un'Europa diversa in cui tutti saremo con la nostra dignità di esseri umani e non più succubi dell'Euro che ci ha impoveriti tutti quanti, rendendo anche i generi di prima necessità impossibili per molte famiglie, dunque la fame per milioni di persone.


Nessun commento:

DELITTO CULTURALE

Nella storia, in tutte le epoche, il delitto culturale è stato perpetrato per cancellare intere civiltà con le loro tradizioni, metodi di v...