PROMESSI SPOSI

14 luglio 2015

G I U S T I Z I A

Papa Francesco è tornato in Vaticano dal suo viaggio nelle terre dell'America Latina. Ha portato con sé il dono ricevuto dal Presidente boliviano Morales: falce e martello con sovrapposta la Croce. Un gesto che ingrandisce la figura di questo Papa e la Chiesa con una risposta silenziosa a tutti coloro che avevano scritto e commentato attraverso i mass media del mondo che quel dono avrebbe dovuto scomparire, come indegno di essere portato in Vaticano. Da una parte il potere temporale con Gregorio VII, Matilde di Canossa, Pio IX e Roma capitale, le alleanze secolari con i despoti storici, ed ora, Francesco che accoglie il simbolo politico degli sfruttati, dei diseredati, con un'umanità ancora presente, in maniera massiccia, in tutti i continenti del Pianeta. Un simbolo che è stato tradito dall'uomo-lupo, come diceva Hobbes. con burocrazie disumane che hanno violato i diritti umani, portando i gulag e la fame. Ma è anche vero che falce e martello è, ancora, un simbolo di speranza per chi attende giustizia. Francesco lo sa e porta il dono di Morales fra i tesori vaticani.



Nessun commento:

Ai miei amici cubani - Para mis amigos cubanos

F A N T A S I A Vado a caccia del sonno ogni sera con una tenda un letto di fortuna sulla spiaggia deserta col timore del mare port...