PROMESSI SPOSI

24 settembre 2015

TEMPESTA DI SENTIMENTI

Eleonora Duse, la grande attrice del Teatro Italiano, visse un'esistenza tormentata da sentimenti procellosi. Era il 3 ottobre del 1858 quando fu battezzata a Vigevano. Esordì nel teatro nel ruolo di Cosetta de' I miserabili di Victor Hugo all'età di quattro anni a Chioggia. le sue grandi interpretazioni furono: Francesca da Rimini di Pellico, Principessa di Bagdad di Alexandre Dumas. Già si differenziava nella recitazione per la capacità di modernizzare il testo, togliendolo dal cliché antiquato e superato. Nel 1880 sposò Tebaldo Martetti, da cui ebbe la figlia Enrichetta. Nel 1884 mirabile fu la sua interpretazione della Cavalleria Rusticana di Giovanni Verga. Lasciò il marito per l'attore Flavio Dadi. Intanto, una malattia polmonare incurabile la tormentava. Arrigo Boito la indirizzò professionalmente verso livelli più alti, affermando che "l'istinto non basta per l'arte". Nel 1888 recitò Antonio e Cleopatra di Shakespeare e nel 1894 si legò a Gabriele D'Annunzio, la sua rovina. Il Vate scrisse La Figlia di Jorio per la Duse, dandola, invece, a Emma Gramatica. Eleonora Duse visse a Roma, Firenze, Asolo. Nel 1921 recitò in La Donna del mare di Ibsen. Morì negli Stati Uniti il 21 aprile 1924 a Pittsburgh, in Pennsylvania. Riposa ad Asolo (Treviso).



E L E O N O R A    D U S E

Nessun commento:

L'ENIGMA

Una cappa pesante imperversa sull'umanità nella vita: l'enigma. Eppure Wittgenstein sosteneva che l'enigma non esiste. Si cerca...