Morricone

9 dicembre 2015

NON BASTA

Ti voglio dire perché scrivo romanzi, saggi storici, perché compongo poesie. E' semplice: perché la vita non basta. Avrei voluto che l'innocenza della mia età più bella durasse tutta la vita; avrei voluto incontrare per le vie del'esistenza un mondo migliore, senza guerre, senza odio; avrei voluto che la vita umana non durasse così poco. Invece, quando chi ti vuole bene se ne va ti lascia una piaga insanabile nel cuore, purtroppo. Avrei voluto, ancora, che chi ha detto di amarmi non mi salutasse con un fazzoletto in mano lasciando nella mia anima il rimpianto della perdita. avrei voluto che gli occhi esprimenti amore, che le voci piene d'affetto, la mano che stringe la tua fossero eterni. Ma non è così. Perciò scrivo: è una confessione a chi mi legge, a chi mi segue. sono sicuro che sono seguito perché come t'immedesimi tu in me, così avviene agli altri, al di là dell'età e del livello culturale. In fondo, siamo tutti esseri umani...



(foto Mara D'Agostino)

Nessun commento:

COSTE INVIOLATE DEL SAPERE

Ulisse concepito da Omero, presente ancora oggi, ha caratterizzato tutte le epoche della storia dell'uomo attraverso la ricerca appassi...