Morricone

22 dicembre 2015

S O G N O

Ma come hai fatto, Benedetto Croce, a non accorgerti di Italo Svevo? Zeno, il personaggio protagonista de "La coscienza di Zeno", appunto, sogna. Anche Fernando Pessoa preferiva sognare invece che stare in una vita impossibile. E Tommaso Moro, la sua "Utopia" è tutta imperniata sul sogno. Anch'io sogno che spariscano violenza, delinquenza, miseria, sfruttamento, privilegi, lussi, vizi, ozi, prepotenza, disuguaglianze, avidità. Platone sognava una società giusta nella "Repubblica" e Tommaso Campanella ne' "La città del sole". Se vuoi cominciare a sognare pure tu, condanna i piaceri artificiali, il valore del denaro, i metalli preziosi, i prodotti di lusso, i beni materiali e sogna che Natale non sia più spaccio di merce inutile, consumismo, auguri ambigui ed ipocriti, ed attendi un Natale come l'avrebbe voluto Cristo.

     
                         

                                                           I T A L O    S V E V O

                                                    

Nessun commento:

COSTE INVIOLATE DEL SAPERE

Ulisse concepito da Omero, presente ancora oggi, ha caratterizzato tutte le epoche della storia dell'uomo attraverso la ricerca appassi...