lai

21 gennaio 2016

PENSIERO INTERCULTURALE

Adeguati alla storia, al presente, non puoi rimanere chiuso culturalmente, massificato, omologato, intollerante, anomico, senza una tensione utopica. Gira le spalle all'aggressività, all'arroganza, alla superiorità ingiustificata, razzista. L'ora della storia segna la legittimità delle differenze, nuovi codici, percorsi nuovi. Non puoi permanere all'ombra dell'assiomatico, del dogmatico, del pensiero gerarchico, della discriminazione, dell'esclusione. L'esodo di moltitudini umane è in corso in tutta Europa, preventivato con la sociologia di trincea alcuni decenni fa, per cui devi coniugare con l'attualità concreta la tua antropologia con quella di esseri umani come te. Questo processo è inarrestabile, disegnerà le nuove realtà del futuro prossimo.

                                         

Nessun commento:

C O N T R A S T O

Apriamo il sipario, come al teatro. La scena: una spiaggia affollata in piena stagione balneare. I personaggi sono due: sdraiato, sotto il ...