lai

11 febbraio 2016

A D U L A Z I O N E

Durante il Rinascimento gli adulatori venivano giudicati malvagi e sleali, ipocriti e senza onestà. Testimone di questa considerazione è Monsignor Della Casa con il suo Galateo. Col passare del tempo, l'adulazione comincia ad essere strumentalizzata per fare carriera, per guadagnarsi dei favori, per corrompere ed ottenere, così, i risultati voluti. Si adula per interesse, per tornaconto, per conquistare. Alle donne piace molto essere adulate, a mettere in mostra la bellezza e i relativi requisiti. Dire che si dimostrano meno anni di quanti in realtà se ne hanno suscita piacere a chicchessia. Le lusinghe, spesso, sono reciproche, si scambiano l'un l'altro. Le femministe privilegiano l'adulazione per la propria intelligenza, per lo sguardo acuto, la fronte alta e spaziosa, la mascella volitiva. E se si fa notare a qualcuno con pochi capelli che ha una capigliatura rigogliosa o a un vecchio che è giovane, l'adulazione ottiene esiti estremamente alti. L'adulazione è un canovaccio secolare che si recita sul palcoscenico della vita.

                                            

Nessun commento:

C O N T R A S T O

Apriamo il sipario, come al teatro. La scena: una spiaggia affollata in piena stagione balneare. I personaggi sono due: sdraiato, sotto il ...