Morricone

1 febbraio 2016

S O G N O

Stanotte, ho sognato che, finalmente, i sepolcri imbiancati, le mummie vaganti, gli ipocriti secolari venivano sconfitti dai progressisti, consentendo, così, che ognuno possa amare come meglio crede, nella vera libertà della vita. Il sogno mi ha aperto spiragli di speranze nei caratteri crudi del mondo dall'incerto futuro. E così, anche i diversi, gli omosessuali, gli svantaggiati potranno vivere una vita serena, non più emarginati, oltraggiati, messi all'indice. Calderon de la Barca diceva che la vita è sogno; Schopenhauer aggiungeva che il sogno anticipa la realtà migliore, Shakespeare rendeva il sogno protagonista della sua ispirazione. Spero che la vita ci offra un'altra realizzazione del sogno che ho fatto. Sarebbe un evento storico, pietra miliare per ognuno di noi. 

                                    

Nessun commento:

COSTE INVIOLATE DEL SAPERE

Ulisse concepito da Omero, presente ancora oggi, ha caratterizzato tutte le epoche della storia dell'uomo attraverso la ricerca appassi...