Morricone

7 aprile 2016

DIGNITA' DELLA VITA

Sei d'accordo se ti dico che ognuno avrebbe il diritto di una vita dignitosa? Alla base dovrebbe esserci il lavoro, ma non come prestazione imposta, divinizzata - ricordi Calvino? - , ma come attività che realizzi, che dia valore ad ogni giorno che si vive. E tu, come ti senti? Pensa... il pensiero ha il privilegio del sommamente personale: non si vede... non si sente... Una vita dignitosa fa della solidarietà un suo grande valore, ed ancora l'amicizia, l'affetto, la speranza, la gioia, la saggezza, la pace e, soprattutto, l'amore. Ma sei convinto o no che isolarsi, chiudersi in una turris eburnea da anacoreta non può ergersi a scelta principe dell'esistenza? Perché non ti chiedi le cause della tua mancanza di serenità, di fiducia verso te stesso e gli altri? Hai mai pensato quanto siano importanti le piccole cose, lo sparuto vivente? La risposta avrebbe potuto dartela Federico Fellini con la sua scelta verso Giulietta Masina come la donna della sua vita. Ricordi Edith Piaf? Era il "piccolo usignolo" della musica e del canto francesi. Arrivederci Roma, l'inno alla Capitale, l'ha composto Renato Rascel, un "piccoletto".

                                               

RENATO RASCEL

Nessun commento:

COSTE INVIOLATE DEL SAPERE

Ulisse concepito da Omero, presente ancora oggi, ha caratterizzato tutte le epoche della storia dell'uomo attraverso la ricerca appassi...