last

29 aprile 2016

R E M I N I S C E N Z E

Quali sensazioni avverti, istintivamente, che la tua terra ti offre?

Faccio riferimento ad un'immagine che mi balena in mente: la mia terra, attraverso una metafora, è una donna affascinante per le bellezze di natura, vestita con abiti dimessi, rattoppati, ma che diffonde forme di Venere col suo portamento.

Quando un diseredato ti ha lasciato una testimonianza indimenticabile?

Stazione ferroviaria di Pizzo Calabro, è notte fonda ed attendo il primo treno del mattino, non ho cenato, un diseredato si sdraia su una panca della sala d'aspetto, mi guarda, si alza ed esce. Ritorna, dopo un po', con la giacca colma di uva e mi dice:" Mangia...".

Rivolgendoti alle tue reminiscenze, quali si presente alla tua mente pronte a farti compagnia costruttivamente?

L'odore dei libri delle biblioteche, le coperte pesanti contro il gelo marchigiano di Recanati situate nella Biblioteca di Leopardi, la semplicità degli artisti che ho conosciuto, il desiderio della vita attraverso treni che spariscono in lontananza.

                                       

Nessun commento:

P O S T A

Vi invito il prossimo 10 agosto alla rappresentazione teatrale della mia commedia brillante Mancu pe' cani , per la regia di Antonio Tr...