last

10 maggio 2016

CADERE NEL NIENTE

Quale limite nella società imperversa da sempre?

La borghesia, monopolizzando la ricchezza, ha dettato le categorie sociali imperanti, ormai diffuse a macchia d'olio anche negli strati bassi della piramide sociale: individualismo esasperato, denaro santo patrono, senso di superiorità e di superbia, assoluta incapacità di identificarsi con le masse.

Perché non accetti la "pietà", la "commiserazione"?

A queste c'è sempre una premessa, e cioè lo stare nei gradini più in alto, una migliore e più fortunata collocazione nell'esistenza, la balorda soddisfazione del dare a chi ne ha bisogno con godimenti aberranti; preferisco l'uguaglianza, l'assoluta assenza dalla scena della storia delle anime belle.

Quali sono, secondo te, le categorie strade maestre verso il totalitarismo?

L'intolleranza, la violenza, la diffamazione, la sopraffazione ideologica, la demonizzazione dell'avversario e, come diceva Renzo De Felice, la volontà di distruzione senza freni, il simbolo della morte come potenza.


Nessun commento:

P O S T A

Vi invito il prossimo 10 agosto alla rappresentazione teatrale della mia commedia brillante Mancu pe' cani , per la regia di Antonio Tr...