last

17 giugno 2016

C A R E N Z A

In quali occasioni l'uomo arretra nella civiltà?

Quando offende , umilia, deturpa l'immagine della specie, quando è preso dalla voglia di distruggere tutto e tutti.

Cosa avverti quando scrivi una commedia?

Debbo superare il tipico complesso calabrese della penuria dell'allegria, causato dai disastri naturali che ha subito la nostra terra, mi diverto, a ridere sono io per primo, poi, sbagliando, provo pudore impostomi dalla poesia e dalla narrativa, ma la commedia ha parità artistica con queste.

Qual è il limite che riscontri nella politica italiana attraverso i secoli?

Riscontro una presenza continua di un popolo, che ha grande meriti, eternamente bisognoso dell'uomo forte, della Provvidenza: Cavour, Crispi, Giolitti, Mussolini, De Gasperi, Togliatti, Craxi, Berlusconi, tutto ciò è sinonimo di carenza di maturità dell'identità nazionale.


                                    

CAMILLO BENSO CONTE DI CAVOUR

Nessun commento:

P O S T A

Vi invito il prossimo 10 agosto alla rappresentazione teatrale della mia commedia brillante Mancu pe' cani , per la regia di Antonio Tr...