Morricone

24 giugno 2016

INCOMUNICABILITA '

Esiste nella tua vita un "percorso sacro"?

Una strada di campagna, prima viottolo, un Calvario che, come si sa, segnava il confine di un paese, un acquedotto romano demolito dal terremoto del 1783, un mulino ad acqua, un piccolo appezzamento di terreno: Iona. Mi ricorda mio nonno, mito della mia vita.

Parlaci di un luogo estremamente significativo.

Il teatro Greco di Siracusa, esposto ad Oriente, verso la Grecia: visitandolo riaffiorano le grandi tragedie classiche di Eschilo, Euripide Sofocle.

Quale contraddizione imponente in atto?

In un tempo della comunicazione di massa, dei mass-media, ecco l'incomunicabilità, la chiusura ermetica di ognuno.


POLISTENA - Contrada "u chiuppu"
(foto Mara D'Agostino)


Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...