Morricone

25 agosto 2016

N A U F R A G O

Cosa ti deprime della politica attuale?
Il mercato dei voti, la politica ridotta a merce di scambio, voli pindarici da un'idea ad un'altra, distanze abissali con la gente, calo dell'interesse di tutti.

Cosa proveresti se tu fossi giovane, oggi, ancora con una vita davanti?
Mi sentirei tradito da chi mi rappresenta abbandonato e solo, senza futuro, senza prospettive certe, come un naufrago in una vita tempestosa.

Qual è il tuo rapporto con il tuo paese, Polistena, in Calabria?
Pensandoci, vedo Polistena come Itaca per Ulisse, anche una passeggiata in Piazza mi ricarica la psiche, anche una pietra caduta da un muro mi provoca dolore, anche gli amici, implacabilmente invecchiati, mi suscitano un senso dell'ineluttabilità verso il tempo che passa.

                        

Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...