la califfa

19 settembre 2016

TEMPO INTERIORE

Cos'è per te il passato?
Non sono un passatista, un decadente: il passato è nel presente e nel futuro; la divisione è una convenzione umana, il tempo che conta è quello interiore, su questo sono d'accordo con Bergson.

Qual è la considerazione che fai sulla natura?
Spesso non si comprende la bellezza della natura; non si ha tempo per osservarla, si ha fretta, si trascura uno dei momenti più belli della vita.

Come dovrebbe essere avvertita la vita?
Dovrebbe non essere un vuoto, un'inutilità, un peso. Con una metafora, la vita dovrebbe essere un contenuto che riempie la forma, come l'acqua colma una brocca.

                                                

Nessun commento:

ALLE ORIGINI DEL RIDERE

Domandiamo a costui cosa percepisce quando ride:" Il riso mi regola l'equilibrio biologico. ha il potere di liberarmi da fenomeni...