speranze

16 dicembre 2016

L' A T T E S A

Come ogni mattina, in tutte le stagioni, attende, poggiato con una spalla al muro del palazzo. E' un uomo che gli anni non sono riusciti a piegare, conserva un'aitanza ancora giovanile. Tra poco, correndo, arriverà il nipotino che, accompagnato dalla madre, andrà a scuola. Ho potuto osservare il momento cruciale dell'incontro tra nonno e nipote: congiungimento di differenti generazioni, unite dall'affetto che non conosce età. Questa scena mi raddolcisce l'animo in un tempo come il nostro caratterizzato dalle intemperie dei sentimenti, dalle tempeste d'umanità. Il bambino, spesso, quando sta per raggiungere il nonno, sorride e scherza; il nonno, contento, aggiunge un'altra giornata di salute alla sua vita.

                                            

Nessun commento:

CENTRO DI GRAVITA'

Il mio centro di gravità esistenziale è il paese dove sono nato, Polistena, nella Piana di Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, Italia...