PROMESSI SPOSI

23 gennaio 2017

L O N T A N A N Z A

Il desiderio di star lontano da tutto e da tutti si moltiplica giorno per giorno. E mentre negli scritti sacri il prossimo è concetto sacro - "Ama il prossimo tuo come te stesso" -, nella realtà attuale si cerca una distanza da chicchessia. Forse sarà per la crescita smisurata dell'individualismo esasperato, forse deriverà dal fatto che la fiducia nell'altro è venuta meno gravemente. Ecco perché si sogna una casetta in montagna, in un'isola, in un luogo sperduto, per appartarsi, per non essere "contaminati" dalla vicinanza di qualcuno. E così, la società, la fratellanza, l'amore per il prossimo, l'aggregazione umana vanno in malora. Va da sé che la lontananza ha come conseguenza, il crollo del senso della vita, un'aggressività non controllata,  sensi di colpa, instabilità, comportamenti devianti. La lontananza premeditata si tenta di esorcizzarla, utopisticamente, con l'uso smodato della telematica, del cellulare, con la musica in cuffia: tentativi patetici di stare aggrappati chissà a che cosa!

                                      

Nessun commento:

IL POETA E LA SOLITUDINE

Diceva Fernando Pessoa che essere poeta non è un'ambizione ma è una maniera di stare soli. Come si può subire passivamente lo sfacelo de...