last

24 gennaio 2017

O R F A N O

La nostra epoca sarà ricordata con la presenza dell'uomo orfano. Eminenti psicologi e sociologi a noi coevi sono d'accordo a proposito. A meno di passatismi, dobbiamo ammettere che siamo orfani di Dio e dei nostri simili. Dio è stato defenestrato dal denaro, dall'interesse. Il nostro prossimo esiste in funzione del trarne qualcosa, altrimenti ci è del tutto indifferente. Siamo soli, maledettamente soli! Ecco perché dilaga la depressione, un abbattimento dello stare al mondo, non c'è più la gioia di vivere. Si arriva al paradosso - è una conseguenza terribile - di considerare gli altri come ostacoli, massi al piede, fantasmi di qualcosa che non esiste più. ed attenzione che la questione di evitare gli altri si diffonde come una macchia d'olio che giunge alla famiglia e alle persone più care. Ci rimane solamente - mi si passi il pessimismo - lo spettro di com'eravamo con un telefonino in mano ed una cuffia per ascoltare musica, complici dell'isolamento.

                                            

Nessun commento:

P O S T A

Vi invito il prossimo 10 agosto alla rappresentazione teatrale della mia commedia brillante Mancu pe' cani , per la regia di Antonio Tr...