Morricone

3 gennaio 2017

SENZA RADICI

Facciamo un'indagine nei meandri cerebrali dell'inconscio. Nel nostro tempo, l'individuo è sradicato non solamente dal passato storico, sociale, ma anche da quello familiare, dal gruppo con cui vive in un ambiente. Ciò avviene perché la nostra civiltà ha ceduto tutto ad un'altra: un mutamento epocale. Anche ciò che si credeva immutabile è sparito. Una transizione ancora in atto che origina malinconia nel profondo della psiche perché si vorrebbe trovare l'immutabile e non si trova. Avendolo, si avrebbe la stabilità, invece di essere con la liquidità e la fragilità nel carattere. Ed è inutile che chiediamo a qualcuno, anche a noi stessi, quando siamo nati. Non è più come prima. Siamo nati tutti ieri, il passato si è liquefatto dentro di noi.

                                          

Nessun commento:

L E T T E R A T U R A

Se vuoi ti dirò che cos'è la letteratura per me. E' semplice: è vita. Se nello scrivere non c'è l'esistenza allora la lette...