Morricone

3 febbraio 2017

IL VINCENTE

Non si ammira più chi ha ragione, si preferisce chi vince: una sorta di sovvertimento di valori. Anche la verità è stata superata dall'esattezza. Al di fuori della scienza non c'è verità che tenga: i valori del sentimento stanno scomparendo, l'amore, categoria massima del passato, si sta dileguando dalla scena della vita. il vincente è l'edonismo, il benessere individuale; il perdente è il prossimo, un'indifferenza colossale si erge nei confronti dell'altro che viene considerato meno di niente. Vincente è l'iperconsumismo; sugli altari viene eretto l'ipertecnologico. Addirittura, nello stravolgimento dei valori di questo nostro tempo si ama più il lontano che il vicino. Tant'è che, quotidianamente, tra vicini avvengono violenze, denunce create dall'odio reciproco: il condominio è la contraddizione più palese di come stanno le cose; per cui, spontaneamente, viene in mente da dire:"Stai più lontano che puoi da tutto e da tutti!".

                                  

Nessun commento:

LA SORTE

Non occorre essere Cassandra, Schopenhauer o Leopardi per sostenere che la sorte della civiltà non ha davanti, purtroppo, sentieri tranquil...