speranze

22 marzo 2017

DEPRESSIONE GIOVANILE

Un altro schema tradizionale è venuto meno: la depressione, per secoli avvinta alla terza età per il solo fatto che la fine della vita si approssima, oggi, cattura nella sua rete i giovani: Si pensava alla forza naturale adolescenziale in tutte le direzioni, in vetta la pulsione sessuale; oggi, il giovane, di entrambi i sessi, vive abulicamente, spossato, l'attrazione erotica non più diretta verso l'altro sesso ma in direzione di un oggetto tecnologico come il pc o il cellulare. Sono oggetti d'amore che consentono di avere un'esistenza isolata. Il giovane trasgressivo, contestatore, ribelle è solamente un caro ricordo; ed anche se il sesso si presenta, ci vuole una forza inaudita perché possa manifestarsi il desiderio che spesso non c'è: si fa sesso senza erotismo, con freddezza, con glaciazione. La depressione è un riflusso senza termine, uno stile di cui protagonista è il ritiro dalla vita. Fondamentalmente, avviene il crollo di qualsivoglia rapporto da quello parentale in poi. Si crede più a nulla.

                                             

Nessun commento:

IL FRAMMENTARIO

C'è nulla di più terrificante del punto fermo: conclude, dichiara la fine. Il frammentario non chiude, mette una pausa, un intervallo e...