last

31 marzo 2017

R I G E T T O

Questo è il tempo del rigetto ovvero della nuova generazione che rifiuta il passato, è difficile recepire qualcosa che si salvi. Venendo a mancare il sostegno di ciò che fu, una caratteristica peculiare dei giovani d'oggi è l'erranza. La parola chiave di questo fenomeno di massa generazionale è NO! Non si idealizza più, non si venera, si pretende, addirittura, di essere genitori di se stessi. Il debito parentale è abolito, secondo Jacques Lacan si esce così dal "lutto" tradizionale, cioè dal debito verso i genitori. Sembrerà un paradosso abominevole, se così stanno le cose, ma nascere è uccidere: una libertà assoluta, un'autonomia straripante, un rigetto della memoria. Tutto viene sostituito dalla tecnologia imperante: internet, smartphone. 

                                             
     ROBERTO ROMOLI - Rigetto sociale

Nessun commento:

P O S T A

Vi invito il prossimo 10 agosto alla rappresentazione teatrale della mia commedia brillante Mancu pe' cani , per la regia di Antonio Tr...