Morricone

26 aprile 2017

LA GUERRA

Ma perché sei attratto dalla guerra? Non ti sono bastate le lezioni della storia, di milioni di vittime, il sangue umano versato? Appartieni a quella congerie umana che ama il rischio assoluto? Ti eccita la guerra, quasi come un evento erotico? Vuoi uscire dalla noia, dal fallimento della vita? Capisco... il tedio ti spinge verso il conflitto. Hai nostalgia di emozioni che non trovi più nella vita, in casa, nella famiglia, in te stesso. Pensi al gioco macabro tra la vita e la morte e provi gratificazioni. Lo sai - se è così - faresti bene a curarti da qualche psicoanalista. Segui i telegiornali che ti portano la guerra a tavola, così mangi con più sapore il cibo. E così, santificando la guerra la sublimi: è una dea per te. Prima d'addormentarti - ammettilo! - ti soffermi col pensiero prima del sonno sul sangue, sull'orrore, e ti senti l'interiorità di ghiaccio, perciò cerchi più coperte, illudendoti che possa essere un riparo.

                                     

Nessun commento:

L E T T E R A T U R A

Se vuoi ti dirò che cos'è la letteratura per me. E' semplice: è vita. Se nello scrivere non c'è l'esistenza allora la lette...