Morricone

18 aprile 2017

RIDUTTIVISMO

Dalla scena della vita è scomparso il valore psicologico totale, anche perché l'uomo ha smarrito il senso dell'unità, dell'assoluto, del fine ultimo. Kant, Hegel rimangono testimonianze ormai impossibili: hanno dato un sistema di pensiero compiuto. Da precisare che la cultura italiana è stata sempre incapace di presentare un pensiero organico e sistemico. Si configura, così, il disincanto dal mondo, l'impoverimento della ricerca, forme che si sono diffuse nel nostro tempo. L'uomo è ridotto ad un'isola sperduta, intraprende il viaggio del ritorno al cordone ombelicale materno rifiutando la vita, raccogliendosi su se stesso, cerca un rifugio e desiste da tutto e da tutti. Dove porterà tutto questo? Ancora non lo sa nessuno. Per ora, basta prenderne consapevolezza.

                                                

Nessun commento:

L E T T E R A T U R A

Se vuoi ti dirò che cos'è la letteratura per me. E' semplice: è vita. Se nello scrivere non c'è l'esistenza allora la lette...