lai

4 maggio 2017

L'ERA DELL'INDIVIDUO

Del fascino del mondo, della vita, della spiritualità, ormai, all'uomo è rimasto ben poco. Anzi, l'uomo è portato a vedere intorno pericoli, minacce, rischi, per cui, per difendersi, desidera l'isolamento, l'appartarsi. Non è un fatto nuovo nella storia umana: è avvenuto in altre epoche, in quelle caratterizzate dalla crisi globale. Conseguenza: il sociale se lo vuoi vedere devi andare al museo, i partiti languono in una profonda agonia, persino la bellezza non è più un fatto pubblico ma privato, da godere in proprio. E così l'individuo dedica tutte le sue risorse a se stesso: dall'abbigliamento al cellulare, dalla palestra per farsi muscoli da invidiare al tatuaggio strepitoso che nasconde debolezze abissali. E' l'era dell'individuo.

                                           

Nessun commento:

C O N T R A S T O

Apriamo il sipario, come al teatro. La scena: una spiaggia affollata in piena stagione balneare. I personaggi sono due: sdraiato, sotto il ...