Morricone

5 maggio 2017

P O S S E S S I O N E

Questo inizio del secolo sarà ricordato come quello della possessione collettiva. Non ti illudere che, ancora, puoi avere un'anima tutta tua: è impossibile! L'anima è divenuta la copia perfetta di miriadi di altre anime. Fenomeni della possessione sono l'intelligenza in caduta verticale, l'eccitazione nervosa in formidabile ascesa, la stabilità mentale compromessa. E' il tempo della degenerazione, delle nevrosi, delle psicosi, delle sette e dei culti satanici, delle superstizioni, dei partiti dogmatici e totalitari, dell'intolleranza religiosa, del culto della personalità. Contemporaneamente, le proiezioni umane si allontanano sempre più dalla religione; la poesia langue. Nietzsche vide ben lontano quando sostenne che "Dio è morto". Pier Paolo Pasolini aggiunse che l'omologazione sarebbe stata l'immagine umana del futuro. E così è stato.

                                                  

Nessun commento:

L E T T E R A T U R A

Se vuoi ti dirò che cos'è la letteratura per me. E' semplice: è vita. Se nello scrivere non c'è l'esistenza allora la lette...