speranze

23 giugno 2017

P E R C H E '

Fin da tempi remoti l'uomo si chiese il perché delle cose, originariamente voleva sapere perché ci fosse la natura, il mondo. E cominciò così la serie infinita di risposte. Un perché scatena risposte più numerose delle api presenti in un alveare. Ci sono perché che non hanno una risposta, rimangono insoluti, misteriosi, per cui porre un perché apre un sipario ampio di risposte che - si badi bene - non sono mai sicure, ma probabili, suscettibili di superamento con altre risposte. I bambini pongono continui perché: la loro è una ricerca umana delle ragioni delle cose, di tutto. Non è semplice trovare un perché ad azioni umane che sono inspiegabili, estremamente problematiche, di ciò si è occupato magistralmente Robert Musil ne' L'uomo senza qualità. I grandi perché sono alle fondamenta dell'esistenza umana: perché si nasce? perché si vive?, perché si muore? perché si crede nell'al di là?

                                                   

Nessun commento:

CENTRO DI GRAVITA'

Il mio centro di gravità esistenziale è il paese dove sono nato, Polistena, nella Piana di Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, Italia...