16 novembre 2017

L E G G E R E

Diceva Goethe:"La gente non sa quanto tempo e quanto sforzo costi imparare a leggere. Mi ci sono occorsi ottant'anni, e non sono neanche in grado di dire che ci sia riuscito". Sembra che leggere sia una questione irrisoria, ma non è così. Pochi sanno leggere. Occorre indugiare, concentrarsi, andare a braccetto con il pensiero, evitare le sottigliezze, meditare profondamente, e ci vuole calma, saper "ruminare". In definitiva, leggendo, i testi ci debbono parlare. Il grande tesoro della lettura è in agonia, si sta perdendo il gusto, incoscientemente, di stare in compagnia di un libro, un grande amico. Leggere è una questione di approfondimento anche di se stessi, di confronto, è una palestra intellettiva, della sensibilità. Perché non acquisisci l'abitudine di portarti sempre appresso un libro?

                                               

Nessun commento:

FORTUNATO SEMINARA

Allo scrittore di Maropati chiesi, mentre lo riportavo a casa con la mia 500, cosa fosse stato l'amore nella sua vita. Mi rispose:"...