20 febbraio 2018

ALLE ORIGINI DEL RIDERE

Domandiamo a costui cosa percepisce quando ride:" Il riso mi regola l'equilibrio biologico. ha il potere di liberarmi da fenomeni psicologici che mi ostacolano. Rido quando voglio polemizzare, dietro il riso c'è il sarcasmo il disprezzo, la disistima. Ridendo allontano da me le energie superflue, gli impulsi erotico-aggressivi che, altrimenti, si trasformerebbero in autolesionismo. Metto in atto il motto di spirito insieme al riso quando voglio ottenere una sorta di punizione di qualcuno, di altri. Per me, il riso è catarsi, nel senso platonico, ridendo, me la prendo con i tabù, contro chi mi disturba, contro le frustrazioni; allora, mi sento più leggero e soddisfatto, narcisisticamente.".

RIFLESSIONE: Il consenso politico italiano è uno tra i più discutibili e strani d'Europa.

                                              

Nessun commento:

FORTUNATO SEMINARA

Allo scrittore di Maropati chiesi, mentre lo riportavo a casa con la mia 500, cosa fosse stato l'amore nella sua vita. Mi rispose:"...