barry white

20 marzo 2018

S T R A N I E R O

Non dire mai che sei solo, non è vero. Accanto a te c'è sempre qualcuno: sei tu, messo da parte, nascosto. Viaggi per il mondo come uno straniero, il tuo vero te stesso è morto da quando è nato. Così per tutti. Vedi? Quando parli, quando pensi, quando guardi, quando ascolti, non sei tu, è la maschera che non ti levi mai e che, per molti aspetti, ti hanno imposto. Allora, puoi dire che non parli, utilizzi un vocabolario che non è il tuo. Siamo tutti stranieri senza passaporto, con una carta di non identità, la vera, di identità, non esiste. Perché, ogni tanto, non ti rivolgi a quel poveretto che sta sempre al tuo fianco? Condannato a non esistere.

RIFLESSIONE: Perché ti vergogni di aprire la tua valigia? Capisco... verrebbero fuori brandelli di niente, frammenti di falsa vita. 

                                                        
                                                       

Nessun commento:

DOLCI DI CASA

Le tradizioni dolciarie calabresi sono antiche e numerose. A Natale ritroviamo "u turruni" con mandorle o arachidi, e poi le &quo...