28 marzo 2018

TU ED IO

Nessuno - pensandoci bene - può dire "io". Infatti chicchessia può esimersi dal considerare se stesso un composto con gli altri da quando si nasce: tu sei anche tua madre, tuo padre, la tua famiglia, chi hai conosciuto, chi hai frequentato, la società in cui vivi, il tempo coevo. Sarebbe giusto che questi pronomi personali fossero sostituiti da uno solo:noi. Il fatto che il pronome "io" permanga è un'assurdità, un cimelio non selezionato dalla logica. Ma anche il pronome "tu", e così "egli", "voi","essi" sono un rimasuglio di una parlata che non tiene conto della realtà delle cose.

RIFLESSIONE: A tre valori non devi mai rinunciare: amore, libertà, verità.

                                              

Nessun commento:

FORTUNATO SEMINARA

Allo scrittore di Maropati chiesi, mentre lo riportavo a casa con la mia 500, cosa fosse stato l'amore nella sua vita. Mi rispose:"...