de blasio

14 marzo 2018

U M A N I T A'

L'artista ha l'umanità connaturata. Si può dire che ne sia il messaggero. Emblematico fu Dostoevskij: perdendo la propria cagnolina, dato l'amore immenso che le portava, fu colto da dolore irreversibile. La sua umanità viene espressa in tutti i suoi personaggi, soprattutto in Umiliati e offesi, dove l'umanità trapela da ogni rigo; leggendo questo romanzo si rimane turbati e affascinati. Attraverso l'umanità ogni artista si fa carico della vera, autentica vita umana, così come avrebbe dovuto essere e non è.

RIFLESSIONE: Cerca di vedere l'avvenire.

                                                         

 Fedor Dostoevskij

Nessun commento:

LA CASA A ROMA

Nel IV secolo a. C., a Roma, avvenne una rivoluzione edilizia che era in continua evoluzione. Fu conseguenza dell'aumento della popolaz...