4 aprile 2018

LA VITA

Già in epoca romana Orazio asseriva:"Carpe diem!" cioè afferra il giorno ovvero non sprecare nemmeno un attimo del prezioso dono che è la vita dietro a cortei di quisquilie che non lasciano alcuna traccia di sé, essendo, solamente, espressioni verbali vacue. Eppure c'è chi si lamenta della vita che peserebbe enormemente per il solo fatto di vivere, ciò è comprensibile se si vive di stenti, miseria, guerre, bombardamenti atroci che lasciano per le vie il sangue innocente dei bambini, ma non si può accettare per una posa che è frutto esclusivamente della stupidaggine.

RIFLESSIONE: Credi di vederti, di conoscerti, di averti, ma non è così. Pensaci bene...


Nessun commento:

FORTUNATO SEMINARA

Allo scrittore di Maropati chiesi, mentre lo riportavo a casa con la mia 500, cosa fosse stato l'amore nella sua vita. Mi rispose:"...