barry white

10 maggio 2018

LA POVERTA'

Francesco d'Assisi sublimò la povertà rinunciando ad ogni avere per avvicinarsi a Dio. Ma il Santo non condivise la presenza dei poveri nella vita, umiliazioni per tutta l'umanità, schiaffo sonoro all'orgoglio dei benestanti e dei ricchi. Mentre ti parlo cinque milioni di persone in Italia vivono nella povertà più assoluta. Luigi Di Maio e Matteo Salvini debbono avere come fine principale da raggiungere quello di debellare la povertà, cancellando quest'onta miserabile che rende ogni convivenza immeritevole dell'appellativo di civile. Immagina cosa significhi non avere da mangiare, nemmeno il minimo, l'indispensabile, per sé e per la propria famiglia e capirai lo sfacelo in cui degli esseri umani simili e vicino a te vivono ai confini del possibile.

RIFLESSIONE: Nel mio secolo la boria italiana portò al disastro.

                                                  

Nessun commento:

IL TERRENO MALEDETTO

Era consuetudine secolare che si portasse parte del prodotto agricolo ai Domenicani del Convento di San Giorgio Morgeto per devozione relig...